fotovoltaico-clima-store

La salute del fotovoltaico in Italia

fotovoltaico-clima-storeCome siamo messi, in Italia, con il fotovoltaico? Bene, iniziamo con il dire che, a fine 2013, la capacità cumulata è stata stimata in 17,9 GW per oltre 550.000 impianti.

Ok, ma c’è stata o meno crescita? Sì, la crescita c’è stata, dal momento che la cresciuta è stata di circa il 23% rispetto al 2012, confermando la crescita italiana a doppia cifra che ormai continua dal 2007.

In Italia, nel corso dell’ultimo anno, sono stati connessi 1,45 GW di nuova potenza, dei quali circa il 21% è costituito da impianti non incentivati, valore che appariva irraggiungibile solo qualche mese fa. Il mercato non incentivato in Italia non è affatto trascurabile e ammonta a circa 305 MW complessivi, il 67% è di tipo residenziali, il 12,8% circa è invece rappresentato da impianti nel segmento commerciale, un ulteriore 12,2% è invece ascrivibile al segmento delle centrali solari e il residuo 8% da taglie industriali.

Per tornare al 2013, il 39% della capacità installata nel corso del 2013 può essere ricondotto al segmento residenziale. Il 36% di questi impianti appartiene a impianti non incentivati, grazie all’efficacia della detrazione fiscale quale strumento di supporto per gli investimenti post-incentivazione. 

Se pure l’Italia cresce, siamo ben lontani dai numeri della Cina, che nell’ultimo anno ha più che raddoppiato i MW installati,portando dal 16 al 31% ed andando a prendersi il primo posto in termini di installazioni annue. Ma è un po’ tutto l’est a crescere, scippando il primato all’Europa, basti pensare che è cresciuto notevolmente anche il mercato Giapponese (dal 7 al 19% delle installazioni globali), quello della Corea del Sud, della Thailandia, di Taiwan. Bene anche gli Stati Uniti, che passano dall’11 al 13%, e il Cile, per restare nelle Americhe.

Buone performance anche da Paesi emergenti e assolati come la Turchia e il Sudafrica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>