oro-caldaie-truffa

Occhio ai (finti) tecnici delle caldaie

oro-caldaie-truffaE allora ripetiamolo, occhio ai finti tecnici di caldaie e condizionatori che usano questa copertura per introdursi in casa e rubare quel che si può.

In realtà, ed è storia di qualche giorno fa, sembrerebbe in atto una variante tecnologica per scoprire ove le persone tengano ori e gioielli.
Andiamo con ordine. La truffa funziona così. Un finto tecnico si presenta come inviato dell’amministratore per il controllo delle caldaie, finge un controllo con un apparecchio elettronico e conclude che c’è una perdita, anche se non si vede.

Il tecnico asserisce, stante a ciò che legge sul rilevatore, di non poter dare la certificazione necessaria, e che pertanto la caldaia va sostituita. 

A quel punto, alle giustificate rimostranze in merito alla funzionalità della caldaia, ecco che il (finto) tecnico ha una illuminazione, magari si batte anche la mano in fronte dandosi dello stupido per non averci pensato prima e, tra il serio e il candido, dice: “Volete vedere che l’oro che avete in casa mi condiziona la rilevazione.”

Le persone ignare, e spaventate dalla prospettiva di comprare un’altra caldaia, accompagnano il (finto) tecnico nelle stanze dove ripongono i gioielli.

Tutto ok, è colpa dei gioielli dice il (finto) tecnico, la caldaia va bene. E intanto ha sbirciato il posto dove son riposti i preziosi.

Una informazione che sarà utile in caso di “incursione” nella casa.

Il nostro consiglio è di prestare attenzione ai finti tecnici. Siate sempre scettici, chiedete conferma alla società o all’amministratore, ma non fate entrare sconosciuti in casa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>