libretto

Il nuovo libretto per le caldaie sarà in vigore dal 1° Giugno

librettoUn recente decreto, parliamo di un decreto emesso il 10 Febbraio del 2014, ha stabilito l’introduzione, a partire dal prossimo 1° Giugno di un nuovo libretto per le caldaie.

Si tratta di un unico libretto, contenente più schede modulabili, e che andrà a certificare  l’efficienza degli impianti installati in casa o nelle imprese, siano esse grandi o piccole.

Si tratterà di un unico libretto, ma che nondimeno sarà in grado di dare un quadro completo e fornire una “mappa” in grado di studiare e codificare in modo univoco le prestazioni delle tradizionali caldaie, ma altresì anche dei sistemi di condizionamento, di teleriscaldamento e di cogenerazione.

I nuovi modelli di libretto e di rapporto sono introdotti dal decreto del 10 febbraio 2014 e sono il risultato di un approfondimento di un gruppo di lavoro coordinato dal Cti, il Comitato termotecnico italiano. In particolare, nel definire i documenti si è tenuto conto dei progressi tecnologici e della presenza sempre più diffusa, accanto alle caldaie e ai condizionatori “tradizionali”, di nuovi sistemi, come le pompe di calore geotermiche, i cogeneratori, il teleriscaldamento o i dispositivi alimentati da fonte rinnovabile (solare, biomasse, etc). 

Il libretto, che a tutti gli effetti rappresenta una fotografia tecnica e una carta d’identità dell’apparecchio, sarà compilato la prima volta dall’installatore, all’atto della messa in funzione e aggiornato dal responsabile dell’impianto o dal manutentore.

E per quelli già in uso e già impiantati?

Con l’entrata in vigore, dal 1° giugno, del nuovo libretto, il responsabile (che nei piccoli impianti è l’utente stesso mentre in condominio può essere l’amministratore o la ditta abilitata da questi delegata) dovrà scaricare il nuovo modello di libretto dai modelli già disponibili sul sito del ministero Sviluppo economico e trascrivere sulla prima pagina di questo i dati identificativi dell’impianto così da consegnarlo, all’atto del controllo, al manutentore per l’aggiornamento.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>