grid-1-320x234

Italia molto vicina alla Grid Parity, a sentire un rapporto Europeo

grid-1-320x234Dal momento che Clima Store si occupa anche di energia solare, allora, nell’ottica di un contributo completo e chiaro, vediamo un po’, a livello europeo come siamo messi.

Sorpresa! Molto bene. Davvero! Il rapporto “PV Grid Parity Commercial Sector 1st issue” evidenzia e sottolinea che, una volta contabilizzati tutti i costi,

In Italia e Germania il prezzo dell’energia solare nel settore commerciale è ormai in linea con le tariffe al dettaglio dell’energia elettrica.

Per dirla in parole più povere, al netto dell’investimento iniziale, il costo è uguale a quello della rete elettrica “tradizionale”. La conclusione è contenuta all’interno del terzo capitolo di “Photovoltaic Grid Parity Monitor analyses”, un rapporto periodico che la società di consulenza Eclareon realizza per conto di  un gruppo internazionale di imprese che hanno interessi nelle energie sostenibili, analizzando la competitività del fotovoltaico con i prezzi al dettaglio per i consumatori residenziali (sistemi FV da 3kW) e del settore commerciale (sistemi fotovoltaici di 30 kW).

Secondo lo studio, «il Lcoe del solare in Italia e Germania è ora a “grid parity”».

La Spagna è già praticamente sullo stesso livello, mentre il Messico e la Francia sono già sulla buona strada.

Comunque si tratta di dati sempre in movimento visto che, se il Lcoe del solare nel 2012-2013 è sceso in modo significativo in tutti i Paesi, non sempre questi dati si traducono in grid parity, dal momento che i prezzi delle altre fonti cambiano.

La scheda sull’Italia del rapporto viene così riassunta: «A Roma è stata raggiunta la completa PV Grid parity. Ciò è dovuto principalmente ai seguenti fattori: i costi di installazione del sistema fotovoltaico a costi competitivi.

Alti livelli di irradiazione rispetto a quelli nella maggior parte degli altri Paesi dell’Unione europea (Ue). I prezzi dell’energia in rete relativamente costosi. Il discount rate utilizzato nel calcolo Lcoe, che non è un ostacolo per la competitività dei costi del fotovoltaico e che è attualmente all’interno della media del range dei Paesi oggetto dello studio».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>