Controlli alle caldaie, occhio alle truffe

In qualche post precedente abbiamo detto che tra le novità di fine anno in merito al mondo del riscaldamento domestico e delle caldaie c’era di sicuro la notizia di una nuova cadenza nei controlli delle stesse.

In realtà, come ha detto in un comunicato: “Con riferimento alle nuove norme sui controlli delle caldaie, che devono essere recepite dalle Regioni, la Federconsumatori ingenera confusione negli utenti, perché parla di controlli che passano da uno a quattro anni per gli impianti a gas metano o gpl, mentre è soltanto il controllo dei fumi a non essere più annuale o biennale ma a diventare biennale o quadriennale a seconda delle potenze.Quello che la Federconsumatori non chiarisce a sufficienza è il problema dell’efficienza energetica ed il suo legame con la sicurezza. La prova di efficienza energetica, i manutentori la fanno per certificare il rendimento, cioè controllare se il rapporto tra gas consumato e quello reso rientra nei giusti parametri. Invece nella manutenzione ai fini della sicurezza si controllano: perdite di gas ed eventuale prova di tenuta, valvole e organi di sicurezza, tiraggio della canna fumaria e stato dei condotti di esalazione dove si può sprigionare ossido di carbonio, parti elettriche e dispersioni, tenute di tutte le parti in pressione. Tutti componenti che da un anno all’altro possono creare delle spiacevoli sorprese”. 

Fatta salva ciò. Il punto è che si sta registrando delle situazioni spiacevoli. Qualcuno, approfittando della confusione normativa, si sta spacciando per tecnici incaricati dei controlli. Ma in realtà si tratta di un pretesto per sgraffignare qualcosa o per raggirare qualche persona in buona fede. Attenzione quindi agli sconosciuti che si presentano alla vostra porta con l’intento di controllare le caldaie.

Segnalazioni del genere stanno giungendo un po’ da tutta Italia. Occhio, quindi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>