manutenzione della caldaia

Consigli per una corretta manutenzione della caldaia

manutenzione della caldaiaDurante queste giornate calde e soleggiate di agosto, possiamo finalmente mettere in stand-by la nostra caldaia. Essa si è rivelata fondamentale, la nostra salvatrice durante il freddo periodo invernale ed ora è giusto il momento di concederle e ricompensarla con un onorato e meritato riposo.

Ovviamente prendersi cura della propria caldaia è importante, proprio al fine di assicurarci il suo perfetto funzionamento durante i prossimi mesi freddi. Per facilitarvi in quest’operazione, all’interno delle righe di questo articolo del Blog di ClimaStore, vi saranno forniti alcuni consigli utili per una corretta manutenzione della caldaia.

Manutenzione della caldaia: la normativa

Riguardo la normativa per la corretta manutenzione della caldaia, dobbiamo fare riferimento al Decreto Legislativo 311/06. Sono molteplici le indicazioni da seguire fornite da tale decreto.

Indicazioni generali della normativa per la manutenzione delle caldaie

Innanzi tutto, all’interno del D.Lgs 311/06, è affermato che è responsabilità del proprietario o del responsabile della caldaia, effettuare una giusta azione di manutenzione, in perfetta linea con le normative vigenti ed affidandosi ad un ditta abilitata ed affidabile, la quale avrà l’onere di effettuare le operazioni di manutenzione e revisione della caldaia, in relazione alla sua tipologia. Nel caso di malfunzionamenti improvvisi ed inaspettati, la ditta è obbligata ad intraprendere una celere e repentina azione di manutenzione straordinaria della caldaia.

La descrizione specifica di ogni intervento di manutenzione della caldaia, deve essere riportata all’interno degli allegati F e G, propri del D.Lgs. 192/05. Inoltre deve essere continuamente e periodicamente aggiornata anche l’intera documentazione relativa alla caldaia.

Tipologia di caldaia e relativa periodicità degli interventi di manutenzione

Sempre seguendo le indicazione proprie al D.Lgs. 311/06, si può notare che, in relazione alla potenza ed al tipo di combustibile usato, varia anche la periodicità d’intervento, volta ad ottenere una corretta manutenzione della caldaia. Di seguito è riportata una pratica tabella con tutte le indicazioni utili in tal senso:

Tipologia della caldaia o impianto

Periodicità degli interventi di manutenzione

Qualsiasi potenza, combustibili liquidi o solidi

Annuale

Potenza nominale maggiore o uguale a 35 KW, impianti a gas

Annuale

Potenza nominale inferiore a 35 KW, impianti a gas

Ogni due anni

Potenza nominale inferiore a 35 KW, impianti a gas, ma con focolare aperto

Ogni due anni

Potenza nominale inferiore a 35 KW, ogni altra tipologia d’impianto non ancora citato

Ogni quattro anni

Operazione e consigli per la manutenzione della caldaia

Avendo accuratamente analizzato le normative vigenti, passiamo ora all’atto pratico e trattiamo le operazioni da effettuare durante una corretta e sicura manutenzione della caldaia.

Cinque potrebbero essere le operazioni (o fasi) più delicate e importanti, al fine di completare un efficace processo di manutenzione della caldaia. Esse riguardano:

  • la rimozioni di eventuali ossidazioni dei disegno manutenzione caldaiabruciatori;
  • la pulizia di eventuali incrostazioni all’interno degli scambiatori o degli elettrodi;
  • la constatazione dell’effettiva integrità ed stabilità dei rivestimenti in fibra ceramica nella camera di combustione, se tale integrità non dovesse sussistere, bisognerà sostituire i componenti danneggiati;
  • il controllo del giusto e corretto funzionamento della fase di accensione e spegnimento dell’apparecchio:
  • verifica dell’effettivo e corretto funzionamento dei dispositivi di sicurezza.

Da ricordare inoltre è l’importanza di un’accurata analisi dei fumi, effettuata da aziende competenti, esperte e professionali.

Queste i principali, in ambito legale e pratico, consigli per una corretta manutenzione della caldaia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>