INDUSTRIA: IN FRIULI SFORNATA PRIMA PIZZA 'VERDE'

Boom del solare? E’ solo questione di tempo

INDUSTRIA: IN FRIULI SFORNATA PRIMA PIZZA 'VERDE'Gli analisti di Alliance Bernstein non sembrano avere dubbi: nel prossimo futuro, il mercato dell’energia sarà dominato dal solare.

Su cosa si poggia questa previsione? Gli analisti scommettono su copiosi investimenti che porteranno a un crollo dei prezzi.

E comunque, se non un vero e proprio crollo, si arriverà perlomeno a prezzi ben più ragionevoli.

Il prezzo attuale del solare è già abbastanza competitivo, ma non tanto da far abbandonare ognu remora e abbracciare, tout court, il sole.

I margini di manovra sono tanti, considerando che lo studio mette in evidenza che, al momento, l’energia solare rappresenta solamente lo 0,17% del mercato energetico.

Come vedete siamo be lontani, e come si può ben intuire, se davvero dovesse esserci un boom, allora a beneficiarne potrebbero essere migliaia di disoccupati, perché servirebbero diverse figure, e di concerto l’economia tutta. 

Secondo le previsioni dei due analisti, le utilities risponderanno positivamente a questo trend e il mercato dell’accumulo crescerà enormemente.

E, accompagnato dagli sviluppi tecnologici che caratterizzano il settore, renderanno il mercato solare sempre più attrattivo.

Il punto importante, è fare in modo che arrivino gli investimenti in grado di abbattere radicalmente i costi e rendere conveniente ciò che adesso non lo è.

Del resto, ai primi anni ’90, anche i telefonini cellulari erano pochi, costavano molto più di adesso e con molte meno funzioni e opzioni.

Ma per attrarre gli investimenti serve eccome la volontà politica di porre il solare come protagonista della politica energetica prossima futura.

Saranno gli investitori a fare davvero la differenza, sottolineano infatti gli analisti, quando sceglieranno di puntare su un mercato, quello solare, non soltanto in forte crescita ma che, a differenza di altri settori, è molto meno rischioso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>